Questo sito utilizza i cookie per una migliore navigabilità e per fornire i servizi abilitati nel portale. Per maggiori informazioni sulla nostra cookie policy clicca qui

Copyright 2020 - Custom text here

Aree Progettuali

Nuove frontiere dell’Alimentazione

Mauro Rossi (referente), Paola Lavermicocca, Vincenzo Longo

Finalità e Obiettivi: L’AP5 è finalizzata a produrre nuove conoscenze sugli effetti biologici di componenti alimentari attualmente considerati, oltre che fonte di energia, anche elementi funzionali al mantenimento del wellness, inteso come stato di benessere psico-­‐fisico dell’individuo. Con la stessa ottica l’AP5 persegue l’obiettivo di sviluppare nuove tecnologie per il miglioramento della qualità degli alimenti ed il perfezionamento delle attuali metodologie di food processing e packaging. Attualmente ancora una notevole percentuale della popolazione dei paesi industrializzati soffre di squilibri nel bilancio energetico, causa principale non solo di sovrappeso ed obesità, ma anche del crescente aumento di soggetti che, in maniera spesso ingiustificata, accedono autonomamente ad alimentazioni dieto-­‐terapeutiche. D’altro canto, numerose evidenze sperimentali attestano un rinnovato concetto salutistico associabile all’alimentazione, causa del crescente sviluppo del settore degli alimenti funzionali e nutraceutici anche nei paesi occidentali. Accanto a questo fenomeno, il miglioramento della qualità degli alimenti, classici o innovativi, continua ad essere un tema centrale anche per l’alimentazione del futuro, realizzato attraverso il perfezionamento delle tecniche di produzione su campo e l'innovazione dei processi di trasformazione nei diversi settori dell’agro-­‐alimentare e biotecnologico. Ai fini di perseguire l’obiettivo di un’alimentazione sostenibile rientrano in AP5 anche le attività deputate a valorizzare gli scarti di produzione e le metodologie per incrementare la shelf-­‐life degli alimenti, sviluppate attraverso la ricerca di innovativi sistemi di packaging con film biodegradabili, funzionalizzati o edibili e, infine, l’applicazione di nuovi sistemi sensoriali e delle scienze omiche per la rilevazione, con aumentata sensibilità e specificità, di componenti bioattivi.

Iscriviti alla nostra Newsletter
Privacy e Termini di Utilizzo